Fragilità sociale

La potenziale fragilità sociale si definisce a partire da un numero maggiore di indicatori, riferiti ad aspetti diversi della convivenza sociale e al loro impatto sul sistema di relazioni, quali:

  • la difficoltà di radicamento della popolazione, italiana e straniera;

  • l’intensità del ricambio delle popolazioni, italiana e straniera, rapportato alla popolazione media;

  • l’incidenza della popolazione straniera in fasce di età giovanili rispetto alle analoghe fasce di età della popolazione italiana;

  • il grado di istruzione.

Per quanto riguarda la fragilità sociale (f.s.), sono stati presi in considerazione i seguenti quattro indicatori:

  1. il ricambio della popolazione italiana nel 2018, considerando la media degli iscritti più i cancellati rapportati alla media della popolazione nel periodo considerato (ossia la percentuale della popolazione residente che si rinnova)

Tale indice va a misurare la stanzialità dei cittadini italiani nel territorio secondo l’idea che un ricambio elevato sta ad indicare una difficoltà di accoglienza ed integrazione del territorio e, pertanto, corrisponde ad una minore stanzialità della popolazione ivi residente;

  1. il ricambio della popolazione straniera nel 2018 considerando la media degli iscritti più i cancellati rapportati alla media della popolazione nel periodo considerato (ossia la percentuale della popolazione residente straniera che si rinnova).

In maniera analoga all’indice valutato per la popolazione italiana, si intende misurare la stanzialità della popolazione straniera al fine di valutare l’accoglienza ed integrazione offerta dal territorio di riferimento;

  1. la percentuale della popolazione straniera in età tra 0 e 19 anni sulla popolazione totale nella stessa fascia di età. Con tale indicatore si vuole potenzialmente valutare la necessità di prevedere delle forme di integrazione per la popolazione di altre etnie presenti nel territorio;

  2. percentuale di adulti (25-64 anni) con titolo di studio superiore (diploma o laurea) sul totale della popolazione al Censimento 2011. Con tale indicatore si intende misurare uno degli aspetti tipici dei territori con un’elevata vulnerabilità sociale: la presenza di adulti senza titolo di studio o analfabeti.

A tali variabili è stato attribuito il medesimo peso e, pertanto, l’indicatore percentuale sintetico rappresentante la Fragilità Sociale è stato calcolato mediante una media aritmetica semplice.

Pertanto si è provveduto a far corrispondere ai valori assunti dagli indicatori un punteggio da 0 a 100 (cioè rapportandoli in base 100) e successivamente operando una media aritmetica.