Procida Capitale Italiana della Cultura 2021

Procida Capitale Italiana della Cultura 2021

Data Evento : 18/01/2021

Procida Capitale Italiana della Cultura 2022, de Magistris: "Una gioia immensa. Ci abbiamo creduto dall’inizio, sarà l’anno della rinascita del dopo-Covid per tutta l’area metropolitana"

"Siamo davvero felici che la Giuria incaricata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo abbia scelto Procida come Capitale Italiana della Cultura 2022.

Gioiamo insieme all’Amministrazione comunale, che abbiamo sostenuto fin dall’inizio, e a tutti i cittadini procidani e siamo pronti a lavorare fianco a fianco affinché la grande vittoria di oggi possa costituire un’occasione di rilancio per l’isola e per tutta l’area metropolitana". È quanto ha affermato il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, Luigi de Magistris, nel momento in cui ha appreso la notizia della nomina di Procida a Capitale Italiana della Cultura per il 2022.

"Proprio comprendendo le potenzialità offerte da questa opportunità per tutta l’area metropolitana – ha continuato il Sindaco - come Città Metropolitana siamo stati forse l’Istituzione sovraordinata che per prima ha creduto nella bontà del progetto e nella forza evocativa della bellezza di quest’isola, tant’è che la candidatura e il suo logo furono lanciati proprio qui da noi, nella sala conferenze di Palazzo Matteotti, il 4 febbraio scorso, quandoin giro c’era anche un po’ di scetticismo.”

“Successivamente – ha sottolineato de Magistris - abbiamo continuato a sostenere con forza la candidatura, per la quale abbiamo stanziato dei fondi in Consiglio Metropolitano, e abbiamo finanche esposto uno striscione sulla facciata principale di Palazzo Matteotti.

Ed oggi siamo davvero felici di poter condividere questa gioia con la comunità procidana, con il suo Sindaco Dino Ambrosino e con tutti quelli che hanno seguito la candidatura, che ringraziamo per il grandissimo impegno profuso”.

“Questa vittoria – ha continuato il Sindaco Metropolitano - dimostra che c’è un Sud che sa lavorare bene, che sa fare squadra, che sa metter in campo proposte credibili e che è in grado di rilanciarsi e provvedere al proprio futuro.

Non vediamo l’ora di continuare a rimboccarci le maniche per costruire quello che dovrà essere un anno di rinascita, con l’auspicio che la morsa in cui il Covid ci sta stringendo si sia allentata, per il turismo e la cultura per l’isola di Arturo e per tutta l’area metropolitana di Napoli, che è davvero uno scrigno infinito di bellezze straordinarie tutte da scoprire”.




  • Condividi

Accordo quadro per indagini geognostiche

Accordo quadro per indagini geognostiche

Data Evento : 15/01/2021

CITTÀ METROPOLITANA; SOTTOSCRITTO UN "ACCORDO QUADRO" PER INDAGINI GEOGNOSTICHE

Nel quadro della messa in sicurezza di tutte le strutture gestite o di proprietà della Città Metropolitana di Napoli è stato affidato alla ditta che ha vinto l'appalto il nuovo Accordo Quadro per l’esecuzione di indagini geognostiche da effettuarsi su strutture ed edifici di competenza della Città Metropolitana di Napoli.

Questo ulteriore intervento si inserisce nella politica realizzata dall'Amministrazione guidata dal sindaco metropolitano Luigi de Magistris che ha fatto della messa in sicurezza del territorio e delle infrastrutture uno degli interventi prioritari.

Oggetto delle indagini saranno tutte le strutture la cui manutenzione è affidata all’Area Tecnica Edilizia istituzionale, Mobilita e Viabilità.

A titolo puramente esemplificativo tra le strutture potenzialmente oggetto di indagine vi sono gli edifici scolastici; le strade, i ponti e i viadotti.

Le indagini potranno riguardare anche terreni e proprietà non ancora di competenza della Città Metropolitana ma interessate da attività di progettazione finalizzate a nuove edificazioni o manutenzioni straordinarie di strutture che l’Amministrazione ha in animo di acquisire.

Laddove necessario, saranno effettuate con il presente Accordo Quadro anche eventuali attività di scavo archeologico.

In ogni caso l’area di intervento è quella di competenza della Città Metropolitana di Napoli.

I lavori da effettuare sono sintetizzabili come segue:

? sondaggi a carotaggio continuo e/o a distruzione di nucleo;

? effettuazione di prove in foro;

? prelievo di campioni indisturbati ed effettuazione di prove di laboratorio geotecnico;

? prove con penetrometri di varie tipologie;

? scavi archeologici;

L' Accordo Quadro ha una durata di 36 mesi a decorrere dalla data della sua sottoscrizione e Il valore complessivo stimato è pari ad € 966.000,00, oltre Iva.




  • Condividi

Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS)

Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS)

La Città Metropolitana avvia la predisposizione del proprio Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS)
 
I PUMS, introdotti a livello nazionale dal D.Lgs. 257/2016 e disciplinati dai DM 397/2017 e 396/2019, sono strumenti di pianificazione strategica di matrice europea finalizzati ad affrontare - con il coinvolgimento dei soggetti del territorio portatori d'interessi - il tema della mobilità della popolazione e delle imprese in una visione integrata e multisettoriale, mettendo al centro le persone e la sostenibilità del sistema, così da contenere gli impatti sull'ambiente.
 
Il PUMS, quadro di riferimento strategico di medio-lungo periodo per le politiche di mobilità sostenibile, costituisce lo strumento operativo che individua gli interventi prioritari da mettere in atto per il raggiungimento degli obiettivi strategici condivisi di sostenibilità energetica, ambientale, sociale ed economica attraverso azioni orientate a migliorare l’efficienza, l’efficacia e la sicurezza del sistema della mobilità e a garantire la sua integrazione con l’assetto urbanistico-territoriale e con lo sviluppo socio-economico, anche di scala comunale e regionale
 
Il PUMS della Città Metropolitana di Napoli rappresenta una specifica Azione del Piano Strategico “ImmagiNA. Napoli Metropoli 2020-2022”, approvato con delibera di Consiglio Metropolitano n.113 del 14 luglio 2020 nell’ambito della Direttrice b “Incremento della qualità della vita tramite la salvaguardia dell’ambiente”, Asse b.1 “Consumo di suolo Zero”, Azione b.1.1 “Pianificare il territorio metropolitano per la salvaguardia e valorizzazione delle risorse”.
 
Dopo l’approvazione del “Documento di indirizzi e di orientamento per la predisposizione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile della Città Metropolitana di Napoli - Napoli Metropolitan SUMP Guidelines” -  avvenuta con Delibera di Consiglio metropolitano n.163 del 12.10.2020 - la Città Metropolitana ha bandito l’affidamento del servizio di  redazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) della Città Metropolitana di Napoli e delle attività connesse di partecipazione, comunicazione, e monitoraggio e di VAS (Bando SI 035/2020)
 
L’affidatario di questi servizi predisporrà il PUMS e svilupperà tutte le attività connesse secondo i seguenti riferimenti:

1-in armonia con le indicazioni delle Linee Guida 2019 della Commissione Europea “Guidelines Developing and Implementing a Sustainable Urban Mobility Plan”

2-nel rispetto della normativa nazionale e regionale e specificamente di quanto previsto nel Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 397 del 4 agosto 2017, come modificato ed integrato dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 396 del 28.8.2019

3-in coerenza con il “Piano Strategico della Città Metropolitana di Napoli – ImmagiNA. Napoli Metropoli 2020-2022”, approvato con delibera di Consiglio metropolitano n. 113 del 14.7.2020

4-in coerenza con il “Documento di indirizzi e orientamento per la predisposizione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile della Città Metropolitana di Napoli - Napoli Metropolitan SUMP Guidelines", approvato con Delibera del Consiglio metropolitano n. 163 del 12.10.2020

5-in rapporto di coerenza dinamica con il redigendo Piano Territoriale Metropolitano, avendo come riferimento il “Project Charter - Linee di Indirizzo del Piano territoriale Metropolitano (PTM)” approvato con delibera di Consiglio metropolitano n. 116 del 14.7.2020

6-in coerenza con gli strumenti pianificatori sovra-ordinati vigenti (livello regionale) e con i PAES (Piano d'azione per l'energia sostenibile)

Presentazione Pums




  • Condividi

PIANO TERRITORIALE METROPOLITANO (PTM)

PIANO TERRITORIALE METROPOLITANO (PTM)


Pubblicato il bando per il supporto alla progettazione ed alle attività connesse

Prosegue a tappe forzate il percorso che porterà la Città Metropolitana di Napoli a dotarsi del Piano Territoriale Metropolitano (PTM).

Il PTM costituisce il principale strumento di pianificazione territoriale dell’Ente e, come previsto dall’art. 18-bis della Legge Regionale 16/2004, comprende sia le funzioni di pianificazione generale attribuite dalla Legge 56/2014, sia quelle di coordinamento derivanti dalle funzioni fondamentali delle province, ovvero dal progetto di Piano Territoriale di Coordinamento (PTC).

Dopo l’approvazione del “Project Charter – Linee di indirizzo per la redazione del Piano Territoriale Metropolitano” (Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 116 dell’11 agosto 2020), la Città Metropolitana bandisce l’affidamento del servizio di supporto alla redazione del Piano ed alle connesse attività di partecipazione, comunicazione, monitoraggio e di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) (Bando SI 050/2020).

L’affidatario dovrà quindi supportare l'Amministrazione nella formazione del PTM, al fine di pervenire alla sua approvazione in tempi rapidi.




  • Condividi

Liceo Scientifico Calamandrei

Liceo Scientifico Calamandrei

Data Evento : 07/01/2021

Città Metropolitana, dal Sindaco de Magistris via libera ai lavori al Liceo “Calamandrei” di Napoli per un milione e 300mila euro

Il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, Luigi de Magistris, ha approvato in data 30 dicembre 2020, con propria deliberazione, il progetto esecutivo dei lavori di manutenzione straordinaria del Liceo Scientifico Calamandrei  di Napoli per l’importo complessivo di un milione e 300mila euro.

In particolare, gli interventi riguarderanno la riqualificazione di tutte le facciate, delle coperture e dei servizi igienici della sede dell’Istituto, sita in via Comunale Maranda, una parallela di via Argine, a poca distanza dal complesso sportivo Palavesuvio , nel quartiere Ponticelli.

Appena affidata la gara, i lavori consentiranno di mettere in sicurezza l'edificio scolastico così da offrire agli studenti del quartiere dell’area orientale una struttura idonea a valorizzare l'identità della scuola quale centro di promozione culturale e scientifica per il territorio, ponendola in grado di prevenire il disagio ed evitare la dispersione.

La sede attuale del Piero Calamandrei  è stata realizzata negli anni Ottanta nell’ambito degli interventi di ricostruzione postsismica, ed è stata già oggetto di interventi di manutenzione da parte dell’Ente di piazza Matteotti.

Il ‘Calamandrei, in quanto unico liceo della zona – ha affermato il Sindaco de Magistris - assume il compito fondamentale di promuovere e sostenere la crescita culturale e civile dei giovani dell’area offrendo più opzioni nella scelta dei percorsi formativi e una programmazione diversificata e coerente di proposte didattiche.

Per questo motivo l’intervento approvato oggi è ancora più importante, perché riqualifica un presidio di legalità e di formazione democratica in un territorio che merita grande attenzione da parte delle Istituzioni”.

“Il progetto esecutivo che ha ricevuto il via libera – ha aggiunto il Vice Sindaco Metropolitano con delega alla Scuola, Domenico Marrazzo - dimostra la grande attenzione che l’amministrazione guidata dal Sindaco de Magistris sta ponendo in ambito scolastico per tutta l’area metropolitana, in particolare per le cosiddette periferie che con noi sono state rimesse al centro, con l’obiettivo strategico di offrire a tutti i nostri giovani le migliori opportunità per costruire il proprio futuro




  • Condividi

News correlate