Piano strategico della Città metropolitana di Napoli

Piano strategico della Città metropolitana di Napoli





Riqualificazione delle periferie SP 500

Riqualificazione delle periferie SP 500

Data Evento : 16/04/2021

CITTÀ METROPOLITANA; RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE; AL VIA I LAVORI SULLA SP 500

Partiranno a breve i lavori di ristrutturazione del piano viabile della SP 500 (Asse perimetrale di Melito).

È stato infatti firmato il contratto che affida alla ditta vincitrice l'esecuzione dei lavori.

Si tratta di uno degli interventi previsti dal "Programma straordinario per la riqualificazione urbana del quartiere di Scampia e delle aree della Città Metropolitana ad esso limitrofe".

Si procederà alla ristrutturazione del piano viabile per una spesa complessiva di € 605.434,31.

Il completamente delle opere è previsto dopo 9 mesi dall'apertura del cantiere.

La SP 500 è un’arteria di grande estensione, che collega i popolosi centri urbani a nord di Napoli e la provincia di Caserta con il capoluogo, oltre a collegare le aree periferiche (Scampia, Miano) con il centro della città.

Queste opere rientrano, dunque, nel Programma Straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle Città Metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia finanziati della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell’ambito del quale il Sindaco de Magistris ha approvato il "Progetto di Riqualificazione urbana del quartiere di Scampia e delle zone della Città Metropolitana di Napoli ad essa limitrofe",

Questo progetto è articolato in 19 interventi, per un ammontare complessivo di 39 milioni di euro da destinare a scuole e strade del territorio.

"Questo nuovo intervento – ha affermato il sindaco metropolitano de Magistris – è parte di un più complesso programma che consentirà di riqualificare in maniera significativa un’area problematica, come quella di Scampia, e per la quale stiamo profondendo il massimo impegno affinché possa finalmente ritrovare un ruolo nel tessuto sociale e culturale dell'area metropolitana di Napoli uscendo dallo stereotipo negativo in cui da anni è costretta".

Grande soddisfazione è stata espressa anche dal consigliere metropolitana delegato alle strade Cacciapuoti che ancora una volta ha sottolineato l'enorme investimento che la Città metropolitana di Napoli ha dedicato alla messa in sicurezza e al miglioramento della sistema viario dell'area.

"Come sempre un grazie per il lavoro svolto dalle strutture tecniche ed amministrative della Città Metropolitana" ha poi aggiunto.





Utilizzo graduatorie di concorsi pubblici di altre P.A.





Stabilizzazione Lsu

Data Evento : 15/04/2021

LA PREFETTURA INCONTRA LA CITTA’ METROPOLITANA SUL TEMA STABILIZZAZIONE LSU

Nella giornata del 15 aprile 2021 il Capo della Segreteria politica del Sindaco metropolitano, Enrico Panini, ed il Capo di Gabinetto, Pietro Rinaldi, sono stati ricevuti in Prefettura, su richiesta del Sindaco Luigi de Magistris, per rappresentare la forte preoccupazione derivante da una incompletezza delle norme di Legge relative alla stabilizzazione dei 180 LSU in capo a Città metropolitana.

A riceverli il Vicario del Prefetto, dott. Enrico Gullotti, ed il dott. Dario Annunziata.

Panini e Rinaldi hanno richiamato l’attenzione sul fatto che, pur essendo già stanziate presso il Ministero del Lavoro le risorse per stabilizzare dopo decenni di precariato le LSU di Città metropolitana, non esiste una norma che indichi com’è possibile accedere alle risorse stanziate per gli Enti che solo nel 2021 hanno le condizioni formali per poterlo fare.

Questa situazione rischia di produrre una forte impennata della tensione che sta attraversando questi lavoratori.

Infine, nell’informare che Città metropolitana ha istituito con l’avvenuta approvazione del Bilancio di previsione per il 2021, 50 posti per attività sulle strade metropolitane, utili per stabilizzare una parte significativa delle LSU, è stata richiamata l’attenzione della Prefettura sugli oltre cinquanta LSU utilizzati presso sedi periferiche del Ministero della Giustizia e dell’Istruzione per i quali è necessaria una norma che consenta di proseguirne l’utilizzo, anche se stabilizzati in altra amministrazione, pena pesanti ricadute sulla funzionalità di uffici molto importanti.

L’avvio dell’iter di conversione in Legge del Decreto legge n. 44, che già contiene una norma relativa alle LSU, fornisce un’occasione unica per dare risposte compiute e definitiva.

L’incontro si è concluso con l’impegno della Prefettura, sempre attenta ai temi connessi al lavoro, a riferire al Governo.





Ripartenza per la CTP

Data Evento : 15/04/2021

TRASPORTI: Il concordato preventivo in bianco segna il punto di ripartenza per la CTP

"Il concordato preventivo in bianco segna il punto di ripartenza per la CTP il cui futuro è destinato ad essere più stabile grazie agli interventi che saranno messi in campo e che in parte stanno già dando i loro frutti.

Un’Azienda la CTP che da più di 130 anni accompagna migliaia di cittadini campani e che continuerà a rappresentare una realtà imprenditoriale oltre che sociale di grande rilievo".

E’ quanto si legge in una nota rilasciata dal Capo della segreteria politica del Sindaco Metropolitano Enrico Panini, che così prosegue.
"Grazie all’impegno delle Istituzioni, della Politica e di tutti i lavoratori CTP, si sta attuando un Piano che garantirà, oltre che la salvaguardia dei posti di lavoro, anche la mobilità di 1,7 mln di abitanti del grande bacino di pertinenza aziendale che spazia dall’area nord di Napoli a quella casertana e agro-aversana, dall’area puteolana e domitiana a quella vesuviana.

In questa fase concordataria iniziale si concretizzano i primi risultati aziendali grazie a provvedimenti finalizzati all’aumento della produzione e dell’offerta di servizio al pubblico: solo con i primi interventi, su alcune linee che operano nell’area nord di Napoli, ove il deposito di Arzano risulta baricentricamente posizionato, si sono ottenuti in breve tempo apprezzabili risultati sia in termini di riduzione della spesa (con abbattimento del 28% di percorrenze tecniche) che di maggiore offerta di servizi ai cittadini con un incremento di produttività chilometrica, a parità di risorse aziendali.

I prossimi obiettivi riguarderanno l’area puteolana con analoghi interventi sulle linee afferenti il deposito di Pozzuoli anch’esso, come quello di Arzano, centrale rispetto ai servizi di area e permetteranno di aumentare i servizi utili ai cittadini grazie alla riduzione di percorrenze tecniche di circa il 25%.

Sono queste le azioni concrete, inquadrate in un più ampio e complessivo progetto a medio e lungo temine, che progressivamente, con l’estensione dei provvedimenti ad altre aree territoriali, miglioreranno la produttività aziendale con conseguente aumento del fatturato e riduzione dei costi, portando così l’azienda ad agganciarsi allo standard di benchmarking nazionale relativo alle imprese di TPL suburbano".

Note
Pari al 6,3 % sul totale dei 600.000 km a vuoto annui oggetto di interventi di cui al "piano recupero km a vuoto"
grazie alla parziale conversione dei km a vuoto ridotti in tratte utili ed all'ottimizzazione dei grafici di servizio con incremento complessivo della produzione km pari al 6% e l’introduzione di 12 nuove corse giornaliere.