Ripartenza per la CTP

Data Evento : 15/04/2021

TRASPORTI: Il concordato preventivo in bianco segna il punto di ripartenza per la CTP

"Il concordato preventivo in bianco segna il punto di ripartenza per la CTP il cui futuro è destinato ad essere più stabile grazie agli interventi che saranno messi in campo e che in parte stanno già dando i loro frutti.

Un’Azienda la CTP che da più di 130 anni accompagna migliaia di cittadini campani e che continuerà a rappresentare una realtà imprenditoriale oltre che sociale di grande rilievo".

E’ quanto si legge in una nota rilasciata dal Capo della segreteria politica del Sindaco Metropolitano Enrico Panini, che così prosegue.
"Grazie all’impegno delle Istituzioni, della Politica e di tutti i lavoratori CTP, si sta attuando un Piano che garantirà, oltre che la salvaguardia dei posti di lavoro, anche la mobilità di 1,7 mln di abitanti del grande bacino di pertinenza aziendale che spazia dall’area nord di Napoli a quella casertana e agro-aversana, dall’area puteolana e domitiana a quella vesuviana.

In questa fase concordataria iniziale si concretizzano i primi risultati aziendali grazie a provvedimenti finalizzati all’aumento della produzione e dell’offerta di servizio al pubblico: solo con i primi interventi, su alcune linee che operano nell’area nord di Napoli, ove il deposito di Arzano risulta baricentricamente posizionato, si sono ottenuti in breve tempo apprezzabili risultati sia in termini di riduzione della spesa (con abbattimento del 28% di percorrenze tecniche) che di maggiore offerta di servizi ai cittadini con un incremento di produttività chilometrica, a parità di risorse aziendali.

I prossimi obiettivi riguarderanno l’area puteolana con analoghi interventi sulle linee afferenti il deposito di Pozzuoli anch’esso, come quello di Arzano, centrale rispetto ai servizi di area e permetteranno di aumentare i servizi utili ai cittadini grazie alla riduzione di percorrenze tecniche di circa il 25%.

Sono queste le azioni concrete, inquadrate in un più ampio e complessivo progetto a medio e lungo temine, che progressivamente, con l’estensione dei provvedimenti ad altre aree territoriali, miglioreranno la produttività aziendale con conseguente aumento del fatturato e riduzione dei costi, portando così l’azienda ad agganciarsi allo standard di benchmarking nazionale relativo alle imprese di TPL suburbano".

Note
Pari al 6,3 % sul totale dei 600.000 km a vuoto annui oggetto di interventi di cui al "piano recupero km a vuoto"
grazie alla parziale conversione dei km a vuoto ridotti in tratte utili ed all'ottimizzazione dei grafici di servizio con incremento complessivo della produzione km pari al 6% e l’introduzione di 12 nuove corse giornaliere.




  • Condividi