FORUM RPCT - ANAC - webinar

Team Forum RPCT

in collaborazione con ANAC

Nell'ambito delle nuove iniziative dedicate alla rete dei RPCT e realizzate in collaborazione con ANAC, Forum RPCT è lieto di invitare al seguente appuntamento online.

Ciclo di incontri: "La parola ai RPCT"

Tema dell’incontro: “Tecniche innovative in materia di risk assessment”

30 ottobre 2020 dalle 11.00 alle 12.00

Si tratta di un programma di attività e incontri della durata di circa un'ora, per sostenere e valorizzare la Community nazionale dei Responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza attraverso momenti di confronto e condivisione di esperienze, problematiche, buone pratiche.

Un’occasione per riflettere insieme sul migliore approccio da adottare per la stima dell'esposizione al rischio corruzione, tenuto conto delle indicazioni di cui all'Allegato 1 del PNA 2019.

Partecipa in qualità di relatore Antonio Meola, Segretario Generale e RPCT della Città Metropolitana di Napoli.

L'esperienza di questa realtà sarà lo spunto per iniziare un dialogo e confronto reciproco, con la possibilità di intervenire in diretta, porre domande, presentare la propria esperienza e condividere dubbi e suggerimenti. 

 

ISCRIVITI QUI: https://forms.gle/AVoZjDFCcJw6amJJ8

 




  • Condividi

Avviso d'asta pubblica

Per la vendita di singoli lotti riferiti a beni immobili di proprietà dell’Ente ubicati in Napoli in esecuzione del piano delle alienazioni di cui alla Deliberazione Consiliare n.6 /2020

LA CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLIRENDE NOTO

che il giorno 12 novembre 2020, alle ore 11:00, presso gli Uffici della Direzione Amministrativa Patrimonio/Provveditorato, siti in Via Don Bosco 4/f, Napoli, si aprirà l’asta pubblica con il sistema del massimo rialzo sul prezzo estimativo previsto nel bando, da esprimere con offerta segreta, per la vendita deiseguenti beni immobili suddivisi in separati lotti di vendita:

Lotti da 1 a 6 - N° 6 unità immobiliari site nel Comune di Napoli alla via Pacella ai Miracoli n. 38;

Lotto 7 - N° 1 fondo rustico sito nel Comune di Napoli alla via Miano a Capodimonte;

Lotto 8 - N° 1 unità immobiliare sita nel Comune di Ercolano (Na) alla via Rampe del Bosco n. 4;

Lotto 9 - N° 1 unità immobiliare sita nel Comune di Ercolano (Na) alla via Rampe del Bosco n.6.

Vai al bando

I singoli lotti di vendita sono individuati come di seguito indicato nell'allegato




  • Condividi

Strade: sottoscritti due accordi quadro

Data Evento : 19/10/2020

Sottoscritti stamani due accordi quadro per interventi di manutenzione ordinaria della rete viaria relativa al gruppo ‘Assi a scorrimento veloce’ (S.P. 1 “Circumvallazione esterna di Napoli”, S.P. 500 “Asse Perimetrale di Melito”, ex S.S. 87 N.C. “Sannitica” ed ex S.S. 162 RACC. “Raccordo”) e di quella della zona occidentale per un valore di due milioni e 300mila euro.
Previsti, tra gli altri, interventi di ripavimentazione e messa in sicurezza, rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, ripristino della pubblica illuminazione, delle barriere di sicurezza e dei giunti ammalorati. Previsto anche un servizio di emergenza h24.
La soddisfazione del Sindaco de Magistris e del Consigliere Delegato Cacciapuoti.

Sono stati sottoscritti questa mattina due accordi quadro per l’esecuzione di interventi di manutenzione di due gruppi di arterie stradali in proprietà ed in gestione della Città Metropolitana di Napoli, ciascuno del valore di un milione e 150mila euro - per un totale di 2 milioni e 300mila euro.

Assi a scorrimento veloce

Il primo accordo riguarda la rete viaria del Gruppo Assi a scorrimento veloce, ovvero la S.P. 1, la S.P. 500, la ex SS 87 NC e la ex SS 162 Racc.

La Strada Provinciale 1, meglio nota come “Circumvallazione Esterna di Napoli”, è un’infrastruttura di grande estensione, che attraversa il territorio metropolitano da ovest a est, costituita da due carreggiate indipendenti, separate da spartitraffico, con due corsie per senso di marcia.
L’offerta della strada risulta di importanza vitale per la mobilità dell'intera area metropolitana, collegando i centri più popolosi del territori: in particolare, su di essa sono concentrate innumerevoli attività imprenditoriali, anche a rilevanza internazionale, tra cui la zona ASI e PIP di Arzano-Casoria, Casavatore e Giugliano, il CAAN (Centro agroalimentare di Napoli), grandi centri commerciali nonché la nuova base NATO di Napoli. Si sviluppa dalle rampe di svincolo “Lago Patria”, nel territorio di Giugliano, intersecando la Strada Statale 7 IV “Domitiana” fino all'incrocio con la EX SS 162 dir “Del Centro Direzionale”, nel territorio di Cercola, attraversando i territori di ben 12 comuni e precisamente, oltre ai citati Giugliano e Cercola, quelli di Qualiano, Villaricca, Mugnano, Melito, Casandrino, Arzano, Casavatore, Napoli Casoria e Volla.

La S.P. 500, più comunemente Asse Perimetrale di Melito-Scampia, è una strada extraurbana principale della Città Metropolitana di Napoli. Essa collega l'Asse Mediano con i quartieri settentrionali del capoluogo e con l'aeroporto di Capodichino.

La ex Strada statale 87 Sannitica N.C. attraversa i comuni dell'hinterland a nord di Napoli, mentre la ex Strada statale 162 Racc. è un breve ma strategico raccordo che si incontra allo svincolo di Cercola lungo la statale 162 dir. del Centro Direzionale e che la collega alla SS 268 del Vesuvio.

Queste arterie necessitano di interventi manutentivi finalizzati a garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione.

Zona occidentale

Il secondo, invece, afferisce all’area occidentale e coinvolge i territori di Ischia, Barano, Casamicciola, Lacco Ameno, Forio, Serrara Fontana, Capri, Anacapri, Procida, Giugliano, Pozzuoli, Monte di Procida, Bacoli, Quarto,Pozzuoli, Acerra, Caivano, Arzano, Grumo Nevano, Mugnano, Melito, Casandrino, Villaricca, Marano, Qualiano, Cercola, San Sebastiano al Vesuvio, Massa di Somma, Ercolano, Pollena Trocchia, Sant’Anastasia, Volla, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata, Torre del Greco, Castellammare di Stabia, Pompei, Sant’Antonio Abate, Santa Maria la Carità, Gragnano, Casola, Lettere, Pimonte, Agerola, Boscoreale, Boscotrecase, Trecase, Terzigno e Sorrento, Sant’Agnello, Vico Equense, Massalubrense, per una rete stradale di 251 Km.

Le strade interessate costituiscono la rete secondaria dei collegamenti da e per i centri abitati con gli assi stradali di grande comunicazione, autostrade ed extraurbane principali, oltre a garantire i collegamenti locali.

Anche in questo secondo caso, alcuni tratti stradali necessitano di interventi per garantire la sicurezza e la fluidità della circolazione: la pavimentazione stradale si presenta con il manto degradato o interessato da profonde fessurazioni e cedimenti; segnaletica orizzontale, verticale e complementare carente o particolarmente degradata; sistemi di captazione e regimentazione delle acque piovane occlusi o privi di risagomatura, vegetazione incolta ai cigli delle strade e nelle scarpate.

Gli interventi

Nei tratti oggetto degli accordi saranno, quindi, effettuati lavori di ripavimentazione, di installazione e ripristino della segnaletica orizzontale e verticale, di installazione di barriere e riparazione di parapetti, muretti e marciapiedi, manutenzione dell’illuminazione e dei sistemi di sicurezza, pulizia dei sistemi di smaltimento delle acque piovane, di sfalcio della vegetazione e taglio di alberi e rami pericolosi, di bonifica della sede stradale da rifiuti solidi urbani, di rimozione della cartellonistica pubblicitaria abusiva.

Sarà, altresì, garantita la continuità delle prestazioni di pronto intervento in caso di necessità mediante l’istituzione di un servizio di reperibilità h24 per 365 giorni l’anno.

Le Istituzioni

“Si tratta – ha affermato il Sindaco Metropolitano, Luigi de Magistris – di interventi volti a garantire le migliori condizioni di sicurezza sulle strade. Abbiamo varato già provvedimenti per alcune aree, altri sono già programmati per assicurare la giusta manutenzione a tutta la rete stradale di nostra competenza”.

“Lo strumento degli accordi quadro – ha aggiunto il Consigliere Metropolitano Delegato alle Strade, Raffaele Cacciapuoti - assicura una migliore pianificazione dei fabbisogni, la semplificazione delle procedure e un notevole risparmio di spesa, nell’ottica di una corretta  programmazione degli interventi. Colgo l’occasione per ringraziare tutta la struttura tecnica e amministrativa che ha continuato a lavorare senza sosta anche in questo periodo di emergenza sanitaria”.




  • Condividi

Concorso pubblico di n.1 posto di Dirigente Economico Finanziario Contabile

Data Evento : 15/10/2020

Concorso pubblico, per esami, per la copertura di n. 1 posto di Dirigente Economico Finanziario/Contabile, G.U. - IV Serie speciale - Concorsi ed esami n. 42 del 28/05/2019.

Misure anticovid in occasione dello svolgimento delle prove scritte nei giorni 27 e 28 ottobre 2020

Vai all' Avviso




  • Condividi

Ambiente

Data Evento : 14 ottobre 2020

Il sindaco metropolitano, Luigi de Magistris ha approvato una delibera con cui aderisce alla proposta dell'Ente Parco Regionale del Bacino del Fiume Sarno di attivazione del Contratto di Fiume del Bacino idrografico del Fiume Sarno.

Il Contratto di Fiume rappresenta un passo importante per affrontare in modo sistemico uno dei punti centrali nella battaglia contro l'inquinamento e la difesa del territorio. Infatti esso si configura come un accordo, che permette di adottare un complesso di azioni in cui i criteri di utilità pubblica, rendimento economico, valore sociale,sostenibilità ambientale, intervengono in modo prioritario nella ricerca di soluzioni efficaci per la riqualificazione di un bacino fluviale particolarmente degradato.

Tale strumento, di derivazione comunitaria, è previsto da ultimo dalla Legge regionale 6 maggio 2019, n. 5 che ha riconosciuto il Contratto di Fiume (CdF), quale Accordo di programmazione strategica, integrata e negoziata e volontario, finalizzato alla tutela e alla corretta gestione delle risorse idriche, alla valorizzazione dei territori del bacino idrografico e sottobacino di riferimento mediante la riqualificazione ambientale e la rigenerazione socioeconomica, unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico e contribuendo allo sviluppo locale e delle aree interessate.

Nell'ambito di questo quadro normativo, i Sindaci dei Comuni interessati nel contesto del bacino idrografico del fiume Sarno nel corso di diversi incontri hanno dichiarato la propria disponibilità ad impegnarsi per elaborare un primo programma di azione in cui verranno individuati i progetti già condivisi al fine di affrontare le emergenze più significative del bacino regionale del fiume Sarno, ed il Parco Regionale del Bacino Idrografico del Fiume Sarno si propone quale ente capofila, coordinatore e promotore delle attività.




  • Condividi

Nuovo presidio di Polizia Metropolitana

Data Evento : 16/11/2017

Giovedì 16 Novembre in Via Diaz Napoli è stato inaugurato, presso il palazzo della ex provincia di Napoli, un nuovo presidio di Polizia Metropolitana.  All’evento sono state invitate le autorità locali

 




  • Condividi