Complesso monumentale di Santa Maria la Nova

Data Evento : 7 agosto 2020

Partiranno a breve gli interventi  di manutenzione straordinaria e conservativa della copertura e di parte delle facciate del complesso monumentale di Santa Maria la Nova in gran parte di proprietà della Città Metropolitana di Napoli.

E' stata infatti affidata alla ditta vincitrice della gara la realizzazione delle opere previste dal progetto messo a punto  per preservare e migliorare uno dei più importanti complessi storici e monumentali del centro storico di Napoli.

La  Città  Metropolitana di Napoli è proprietaria della maggioranza dei locali che affacciano nel chiostro maggiore, ovvero i locali del piano terra, compreso l'ex-refettorio ora adibito a Sala Consiliare dove si riunisce il Consiglio Metropolitano, il coro ligneo, parte del piano ammezzato, parte del primo piano, e tutto il secondo, nonché il piano sottotetto ed alcuni locali al piano seminterrato.

 Le peculiari caratteristiche del complesso e la vetustà delle strutture richiedono urgenti interventi di manutenzione del tetto di copertura, di alcune porzioni della facciata e del sistema di smaltimento delle acque piovane al fine di preservare il bene storico scongiurando ulteriori danni o pericoli.

I lavori, che saranno realizzati nel rispetto dei vincoli storici artistici e paesaggistici del sito, prevedono il completo rifacimento ed il restauro del tetto di copertura, lato via Santa Maria La Nova e vico Santa Maria dell'Aiuto, delle aree delle facciate interessate e del sistema di canalizzazione delle acque piovane.

Questi interventi  rappresentano il normale prosieguo delle attività di riqualificazione del complesso da parte della Città Metropolitana, guidata dal sindaco metropolitano, Luigi de Magistris e iniziate con il restauro degli affreschi del refettorio maggiore (Sala Consiliare) il restauro della facciata di via del Cerriglio, rifacimento di parte degli infissi esterni e riattamento di alcuni dei locali destinati agli uffici. Questo anche nella prospettiva della realizzazione nel Complesso di Santa Maria la Nova del Polo Museale della Città Metropolitana di Napoli. 

L'importo complessivo dei lavori è di 307.000 ed i tempi previsti per la loro ultimazione è di 7 mesI dall'avvio dei lavori.




  • Condividi

Vesuvio, l’ex Casa Cantoniera di Ercolano

Data Evento : 06/8/2020

Prendono il via i lavori per la trasformazione dell’ex Casa Cantoniera di via Osservatorio Vesuviano a Ercolano, lungo il percorso che porta al Gran Cono, in infopoint per turisti e visitatori e in area attrezzata ludico-formativa per i più piccoli.

È stato firmato questa mattina, infatti, il contratto con cui vengono affidati gli interventi di riqualificazione dell’immobile di circa 70 metri quadrati, di proprietà della Città Metropolitana, ubicato all’interno di un’area di circa 2.400 mq – sempre di proprietà dell’Ente metropolitano – situata a quota 400 e compresa nel Parco Nazionale del Vesuvio, per un ammontare di poco più di 200mila euro.

Lo stabile, già casa cantoniera, attualmente era in uso all’ufficio forestazione quale ricovero e deposito per gli operai idraulici forestali.

Gli interventi previsti riguardano il completo risanamento dell’immobile attraverso opere di bonifica, di deumidificazione e impermeabilizzazione, il rifacimento degli impianti, dei pavimenti, degli infissi, degli intonaci e delle pitture, oltre a opere complementari.

I lavori saranno eseguiti utilizzando materiali e tecniche che mirano alla perfetta integrazione dell’immobile nel contesto naturalistico in cui si inserisce, nonché ad un’ampia versatilità funzionale all’uso cui è destinato.

All’interno del lotto e nelle aree di pertinenza stradale lungo via Osservatorio sono allocate anche le sculture a cielo aperto - realizzate da artisti di fama internazionale - di proprietà della Città Metropolitana, appartenenti a “Creator Vesevo”, la mostra permanente di oggetti e sculture in pietra lavica del Vesuvio. Intorno ad esse il progetto prevede la creazione di percorsi ludico-formativi attraverso la realizzazione di aiuole e tabelle didattiche, arredi da giardino e giochi, oltre che la messa a dimora di essenze autoctone già presenti nell'area circostante.

Il progetto di riqualificazione nasce per volontà del Sindaco della Città Metropolitana, Luigi de Magistris, che lo ha proposto, con propria deliberazione, al Consiglio Metropolitano che lo ha accolto. “Stiamo mettendo in campo tutto quanto è nelle nostre possibilità – ha affermato il Sindaco - per la valorizzazione e la promozione del nostro territorio, in questo caso dell’area del Vesuvio, la cui economia ha vissuto momenti pesanti a causa dei devastanti incendi, prima, e del Covid-19 dopo. Con questo intervento andiamo non solo a recuperare uno stabile lungo la salita al Gran Cono, restituendo decoro e bellezza, ma soprattutto creiamo dei servizi a favore di viaggiatori e turisti di cui beneficeranno proprio gli operatori del settore. Senza dimenticare gli spazi per insegnare ai più piccoli a conoscere e ad amare la propria terra fin dalla più tenera età”.

“Sono davvero tante le opere – ha aggiunto il Consigliere Metropolitano Delegato al Parco del Vesuvio, Michele Maddaloni - che abbiamo realizzato per il Vesuvio, il Parco Nazionale e per tutti i Comuni che lo costituiscono, dalla tutela alla messa in sicurezza alla valorizzazione. La Città Metropolitana, in questi anni, è stata veramente in prima linea per la difesa del nostro gigante e al fianco di tutti quelli che quotidianamente vivono, ciascuno secondo il proprio ruolo, il Vulcano”.

I lavori saranno completati entro un anno.




  • Condividi

Compagnia Trasporti Pubblici S.p.A. (CTP)

Data Evento : 3/8/2020

Il Sindaco Metropolitano, Luigi de Magistris, ha approvato in data 31 luglio 2020, con due apposite deliberazioni, l’Aggiornamento al Piano Industriale 2020-2022 e la ricapitalizzazione per 7 milioni e 220mila euro della società Compagnia Trasporti Pubblici S.p.A. (CTP), interamente partecipata dall’Ente.

L’Aggiornamento si è reso necessario per rappresentare sia lo stato di attuazione dei provvedimenti previsti ed i risultati ottenuti, sia l’impatto previsto sui risultati 2020 dalla crisi Covid-19.

La ricapitalizzazione - necessaria in ragione della situazione economico patrimoniale al 31/03/2020 che ha configurato la fattispecie di cui all’art.2447 c.c. – mira a garantire, insieme agli altri interventi previsti nel corso dell’anno, la continuità del servizio nell’ambito di concrete prospettive di recupero dell'equilibrio economico aziendale nell’arco del triennio considerato.

L’aggiornamento del Piano industriale 2020-2022 adottato oggi sarà sottoposto al Consiglio Metropolitano per l’approvazione definitiva.




  • Condividi

Catalogo Nazionale dei Dati Aperti

Data Evento : 3 agiosto 2020

Parco Progetti dei Comuni - Attuazione Piano Strategico
Accordo di Programma approvato con decreto del Sindaco Metropolitano n. 762 del 12-12-2019

Rilasciati alcuni nuovi dataset della Città Metropolitana di Napoli, tra cui il “Piano Strategico - Progetti finanziati” relativo ai progetti finanziati ai Comuni nell'ambito del Piano Strategico della Città Metropolitana, per un valore di oltre 250 milioni di euro. Il dataset si ispira alle azioni previste dal progetto di monitoraggio e trasparenza sulla gestione dei fondi della città metropolitana quale obiettivo primario del Piano Strategico.

Trovere i dati, pubblicati con licenza aperta, su:

Portale open data della Città Metropolitana di Napoli - dati.cittametropolitana.na.it

Catalogo nazionale dei dati aperti - dati-gov.it

Sito dell'Agid

 




  • Condividi

Proroga limitazione traffico S.P. n.36

Data Evento : 3 agosto 2020

Istituzione di un senso unico circolatorio con parzializzazione della carreggiata per delimitare l'area di cantiere fino al 30/09/2020




  • Condividi

Ripiantumazione e incremento del verde




  • Condividi