Contenuto Web

Agenzia N:016/2019 del: 07/02/2019 ore: 15:10:00

Titolo:Terzi alla finale mondiale della Zero Robotics di Boston, gli studenti del “Righi” premiati dal Sindaco de Magistris
Autore:
SALVATORE DEL GIUDICE
Sono andati a Boston, negli Stati Uniti, al MIT, il Massachusetts Institute of Technology, il tempio della robotica, e si sono sfidati con circa duecento team provenienti da tutto il mondo. Uno scontro ed un confronto con i migliori cervelli del pianeta. E si sono classificati al terzo posto con menzione speciale, i cinque ragazzi dell’ITIS “Augusto Righi” di Fuorigrotta, area occidentale di Napoli, portando il sistema scolastico metropolitano alla ribalta internazionale.
E oggi Alessia Caparro, Emilia Napolano, Mauro D’Alò, Davide Di Pierro e Luigi Picarella hanno ricevuto il giusto riconoscimento dalle mani del Sindaco della Città Metropolitana, Luigi de Magistris, nel corso di una cerimonia che si è svolta nell’aula consiliare del Complesso Monumentale di Santa Maria la Nova alla quale hanno preso parte anche il Consigliere Metropolitano Delegato alla Scuola, Domenico Marrazzo, l’Assessore alla Scuola del Comune di Napoli, Annamaria Palmieri, e la Dirigente Scolastica dell’Istituto, Vittoria Rinaldi, insieme con una delegazione di studenti, docenti e genitori.
Il Premio Internazionale “Zero Robotics” High School Tournament, che il 28 gennaio scorso a Boston ha vissuto la sua finale mondiale, ha visto i ragazzi sfidarsi nella programmazione degli «spheres», micro-satelliti utilizzati dalla Nasa all'interno della Stazione Spaziale Internazionale per operazioni di “pulizia dello Spazio”, come ad esempio il recupero di satelliti in avaria, la raccolta di oggetti, etc.. Nel corso della finale, infatti, gli astronauti della ISS sono stati collegati con i concorrenti per tre ore direttamente dallo spazio.
Agli studenti partenopei la menzione speciale è stata attribuita per l’efficacia dell’algoritmo presentato e la rapidità nell’esecuzione della manovra ad ostacoli.
“La  Città Metropolitana di Napoli – ha affermato il Sindaco de Magistris nel corso del suo intervento - esprime, oggi, anche formalmente, la propria gratitudine alla comunità scolastica del ‘Righi’ e a questi ragazzi per aver portato l’orgoglio delle nostre scuole nel mondo con competenza, professionalità, apertura alle nuove tecnologie, fantasia e innovazione”.
“Da quando mi sono insediato come Sindaco della Città Metropolitana – ha continuato de Magistris – abbiamo messo in campo il più grande piano di investimenti in edilizia scolastica dai tempi del terremoto, e ci siamo posti il potenziamento delle strutture da offrire ai nostri ragazzi per la loro formazione quale obiettivo strategico della nostra azione politica ed istituzionale. Risultati come quelli che celebriamo oggi ci dicono che stiamo andando nella giusta direzione, e siamo felici di questo”.
Il Sindaco Metropolitano aveva, tra l’altro, di recente firmato anche un protocollo d’intesa con il Rettore dell’Università degli Studi “Federico II” di Napoli, Gaetano Manfredi, e la Preside Rinaldi per promuovere e sostenere un progetto educativo, di innovazione e di ricerca finalizzato alla crescita e allo sviluppo della personalità e creatività dei giovani del “Righi”, nell’ottica di una collaborazione tra scuola e università aperta al territorio e con l’obiettivo di fornire opportunità di inserimento lavorativo nel proprio contesto territoriale con riferimento al settore delle nuove tecnologie per l’industria.
Soddisfazione è stata espressa anche dal Consigliere Metropolitano Delegato Marrazzo, che ha sottolineato che “nei prossimi anni, grazie al Piano Strategico Metropolitano, l’Ente di piazza Matteotti sarà in grado di investire ben 300 milioni di euro in opere di edilizia scolastica”.
Insieme a quelle per i ragazzi il Sindaco de Magistris ha consegnato anche una targa alla Preside Rinaldi, come riconoscimento al lavoro fatto da tutti i docenti e gli studenti dell’Istituto per il raggiungimento di questo prezioso risultato. “È un giorno importante non solo per la nostra scuola ma per tutto il sistema scolastico metropolitano – ha evidenziato la Dirigente Scolastica – perché ci consente di sentire la fondamentale vicinanza delle istituzioni nel nostro percorso di crescita”.